5
Copie gratuite disponibili

Qual è la differenza tra Ripple e Bitcoin?

La popolarità del trading di criptovalute aumenta ogni giorno di più, tuttavia, c'è ancora una gran confusione nel mondo della blockchain. Bitcoin è un nome molto famoso in quest'arena, ma ci sono molte altre criptovalute che emergono nel corso dell'anno. Una di queste è Ripple, ma qual è la differenza tra Ripple e Bitcoin? Se si tratta sempre di criptovalute, non dovrebbero essere la stessa cosa? Questo articolo fornirà alcune informazioni su cosa sia Ripple e in cosa sia differente dal tradizionale Bitcoin.

Cos’è Ripple?

Se Bitcoin è la valuta digitale destinata al pagamento di beni e servizi, Ripple è la valuta di scambio per le reti di pagamento e le banche. Ripple è stato creato come sistema per il trasferimento diretto di asset per regolare i pagamenti in tempo reale in modo rapido, economico e sicuro, rispetto ai sistemi di trasferimento tra le banche. A differenza del Bitcoin, Ripple non si basa sulla tecnologia della blockchain; bensì, utilizza i token XRP noti come Ripples. I token XRP coinvolgono un registro distribuito con server di convalida di rete, per eseguire i pagamenti.

Cosa sono i token XRP?

Scavando più in profondità nella differenza tra Ripple e Bitcoin, troviamo i token XRP. I token XRP sono la criptovaluta utilizzata sulla rete Ripple per supportare il trasferimento di denaro tra diverse valute. Generalmente, un sistema di regolamento utilizzerà dollari americani come valuta comune da convertire in altri tipi di valute. Spesso, questo comporta il pagamento di commissioni per il cambio di valuta ed è dispendioso in termini di tempo, motivo per cui ci possono volere da due a tre giorni lavorativi per elaborare bonifici bancari internazionali. Convertendo il valore da trasferire in Ripples, invece che in dollari americani, le commissioni vengono eliminate e la procedura di pagamento viene ridotta a pochi secondi, anziché giorni.

Attualmente, i token XRP vengono utilizzati principalmente per il trasferimento di pagamenti su varie piattaforme digitali, compresa la Ripple Network. Le banche, tra cui la Commonwealth Bank of Australia, Santander, Fidor Bank e un consorzio di banche giapponesi, hanno dichiarato di voler implementare le loro applicazioni, facendo in modo che utilizzino questo sistema di pagamento. A differenza del Bitcoin, le monete fornite vengono create per un importo limitato come ricompensa per i partecipanti che offrono potenza di calcolo per mantenere la blockchain. All'inizio della sua creazione, Ripple ha creato 100 miliardi di token XRP.

Di recente, Ripple ha aggiunto una nuova funzionalità in base alla quale ha rilasciato un miliardo dei loro XRP da tenere per se stessi e così promuovere ogni mese lo sviluppo di operazioni commerciali, vendite agli investitori e per offrire incentivi ai clienti. Questo viene condotto utilizzando un servizio di contratto intelligente noto come escrow e una volta che i token sono stati utilizzati, gli XRP non utilizzati vengono restituiti all'escrow. Secondo i report, il primo mese di Ripple escrow ha visto Ripple utilizzare circa 100 milioni di token restituendo 900 milioni all'escrow.

Posso spendere i token XRP di Ripple?

L'idea originale alla base di Ripple, era di utilizzare i token come forma di pagamento e non come valuta, ma alcuni commercianti accettano i token XRP come forma di pagamento online. Ad esempio, è possibile acquistare gioielli, prodotti dolciari o salse piccanti, cercando nel piccolo elenco di venditori che hanno dichiarato di accettare i token XRP di Ripple. Ovviamente, il mondo della criptovaluta cambia drasticamente ogni giorno e i venditori possono cambiare idea sull'accettare o meno i Ripple. Ricorda, l'uso originale dei token XRP è di trasferire altre valute o materie prime sulla rete di Ripple.

Posso investire in Ripple?

Negli ultimi anni, la rete Ripple ha acquisito sempre più popolarità nel settore delle criptovalute e molte organizzazioni utilizzano i suoi token. Infatti, nel 2017, l'aumento del valore di un singolo token XRP ha conseguito risultati migliori del Bitcoin e altre criptovalute. All'inizio del 2018, i token XRP di Ripple hanno raggiunto il picco di '3.00 per token, per poi tornare rapidamente al loro valore standard (ed attuale) di 1$ per token.

I token XRP di Ripple vengono scambiati generalmente tra le criptovalute Binance e Poloniex. Per acquistare XRP, è necessario prima acquistare Ethereum o Bitcoin e poi trasferirli per uno scambio in XRP. Quindi la risposta è si, è possibile investire in Ripple se hai tempo e denaro.

Dovrei investire in Ripple?

Non è facile rispondere alla domanda: "investire o meno in Ripple". Di certo, si può affermare che Ripple sia un buon investimento, ma prima di impegnarsi in un qualsiasi investimento, bisognerebbe sempre condurre qualche ricerca. Prima d’investire in Ripple, assicurati di parlare con un consulente finanziario professionista. Ti aiuterà a determinare la differenza tra Ripple e Bitcoin.